Torna l’Accademia Rebelde!

image_pdfimage_print

Rete dei Comunisti Roma

“A tutto Marx!” Riprendono i cicli di formazione politica di base di Accademia Rebelde, ripartendo, appunto, da Marx con due appuntamenti e un intermezzo cinematografico (la proiezione de Il giovane Marx di Raoul Peck).

Con questo ciclo proveremo a dare un quadro del Marx materialista storico, ossia del Marx che cala il conflitto (in particolare, il conflitto di classe) nel processo storico, facendolo diventare addirittura il motore della stessa Storia e non solo uno dei tanti fattori umani che si intrecciano tra loro e con l’“esterno” (la natura), determinandone il corso; e proveremo anche a mostrare come Marx cali anche l’economia dentro il processo storico (dunque dentro il conflitto), privandola della sua presunta dimensione “naturale” e “sovrastorica”, della sua autoproclamata neutralità e obiettività.

I testi che proponiamo sono i testi classici della formazione del militante marxista e, ancor prima che il marxismo diventasse un movimento di pensiero strutturato, degli stessi lavoratori e delle lavoratrici del tempo di Marx (come mostra splendidamente anche il film Il giovane Marx). Sono testi “popolari”, nel duplice senso di famosi e di rivolti al popolo dei lavoratori (almeno di quelli che hanno acquisito una coscienza di classe e sono assurti a protagonisti della lotta politica).

Il manifesto, Lavoro salariato e capitale, Salario, prezzo e profitto, sono opuscoli che al tempo giravano di mano in mano tra gli operai, dai tempi di Marx fino almeno alle ultime generazioni di operai e militanti combattivi di questo paese e del mondo.

Accompagneranno queste letture anche testi forse meno divulgativi ma altrettanto celebri, come Le lotte di classe in Francia dal 1848 al 1850, Il 18 Brumaio di Luigi Bonaparte, La Guerra Civile in Francia e l’Introduzione a Per la Critica dell’Economia Politica.

Come Accademia Rebelde vogliamo riproporre dunque la lettura di queste opere affinché tornino ad essere patrimonio comune di nuove generazioni di militanti e ribelli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *